Situata su una collina, a 57 km da Sergiev Posad lungo le rive del lago Plesheevo – famoso per le esercitazioni delle flotte di Pietro I alla fine ‘600 – sorge Pereslavl Zalesskij.

Fondata nel 1152, Pereslavl è rinomata per via della sua incantevole natura. Circondata da foreste e radure alternate a campi coltivati…

…l’insediamento dalla collina digrada verso il lago Plesheevo che impreziosisce con le sue acque i panorami di questa meta dell’Anello d’Oro.

Mentre il nome Zalesskij in russo significa “oltre il bosco”.

Pereslavl: la città dei 3 Monasteri

Tre sono i grandi monasteri della zona, sorti come avamposti di difesa fra il 14° e il 16° secolo.

Il primo è il Monastero Goritskij (XIV secolo). Dell’antica fortezza non è rimasta che la Cattedrale della Trasfigurazione di Cristo (1152-1157) che era il punto centrale di un vastissimo complesso di palazzi collegati fra loro con gallerie e corridoi.

Non lontano dalla cattedrale, nel 14° secolo, fu costruita la Chiesa del Metropolita Pietro, in onore del primo metropolita di Mosca.

Il monastero fu più volte ampliato e rifatto nei secoli 17° e 18°:

a questo periodo risalgono i massicci portali d’entrata, come anche il campanile e la Cattedrale della Dormitio, dalle pure linee architettoniche.

Le pareti interne della Cattedrale sono decorate con stucchi a motivi floreali e angelici.

Non lontano dal Monastero, su un’altura che domina il panorama circostante, fu eretta nel 1778 la piccola Chiesa della Presentazione di Cristo al Tempio.

Il secondo è di cui parliamo è Il Monastero Danilov:

fondato nel 16° secolo, si andò sviluppando nel corso di 2 secoli grazie alle donazioni dei principi Bariatinsky.

La chiesa principale del monastero è la Cattedrale della Trinità (1532) – più volte rimaneggiata – che conserva gli affreschi del 17° secolo, opera del pittore Nikitin.

Semplice e morbida la decorazione dell’adiacente Chiesa di Tutti i Santi (1687), mentre il campanile del 1689…

…dal basamento a 2 piani, ha un blocco aggiunto per accogliere il meccanismo di un grande orologio.

Il refettorio – il più fastoso edificio del complesso – vede fusi il tradizionale stile russo con i nuovi elementi barocchi;

fu aggiunto nel 1695 e malamente restaurato nel 19° secolo, come anche la Chiesa della Esaltazione della Vergine.

Lungo la strada che congiunge questo complesso con il monastero Nikita, si passa presso la Cappella della Vergine di Cernigov (1705),

piccolo gioiello barocco fatto costruire dal principe Michail di Cernigov nel punto dove fu guarito da San Nikita nel 1186.

Il Monastero Nikita (16° secolo) sorge su un’altura che domina la strada per Jaroslavl:

fondato dal santo monaco Nikita e mutato in fortezza per volontà di Ivan il Terribile.

L’edificio più importante del monastero – la Cattedrale di San Nicola (1561-1564) – ha 5 cupole sorrette da un alto tamburo, piccole cappelle laterali e 5 absidi.

Notevole la decorazione delle finestre con celle del lungo edificio, costruito verso la metà del 16° secolo.

Una menzione speciale merita il Museo di storia e dell’arte dei monumenti antichi di Pereslav che conserva al suo interno:

icone, gonfaloni per processioni, arredi e paramenti sacri, oltre che splendidi doni di zar e principi.