Il centro espositivo di tutte le Russie, noto anche come VDNKh o VVC,  è una vera  e propria città fatta di vie, piazze, fontane, prati e negozi.

Ma ciò che lo caratterizza maggiormente sono i padiglioni, realizzati durante il periodo sovietico in diversi stili architettonici.

Scendendo all’omonima fermata della metro (linea arancione) a pochi passi dall’enorme area di 237,5 ettari, si può ammirare anche il Monumento ai cosmonauti e la straordinaria statua dell’Operaio e della Kolhoznitsa.

Il parco, grazie anche agli efficienti trasporti pubblici è diventato un luogo ricreativo sia per i moscoviti che per gli ospiti della capitale russa.

Qui il legno, la pietra, il vetro e il metallo delle strutture narrano la storia dell’Unione Sovietica.

 

 

Dentro l’VDNKh è presente persino un luna-park fisso e nel periodo invernale è possibile accedere ad una incantevole pista di pattinaggio il cui lungo tragitto attraversa l’intera area.

Quest’area è particolarmente ricca di mostre, eventi ed esposizioni, oltre che di molte statue del periodo dell’URSS.

Storia del VDNKh

L’area VDNKh venne concepita come un incrocio tra una fiera mondiale e un grande parco. Fu inaugurata il 17/02/1935 come centro espositivo dell’agricoltura URSS…

…ma il suo scopo era ben diverso:

Doveva celebrare i successi scientifici sovietici grazie a fontane e padiglioni nazionali dedicati a tutte le repubbliche dell’unione.

I progettisti volevano far immergere i visitatori all’interno di un viaggio per la Russia:

dalla penisola di Kamchatka al mar Nero, ogni padiglione rappresentava i successi di una delle repubbliche federate.

Le esposizioni erano decorate con i lavori di vari artigianati: tappeti asiatici, oggetti di ceramica e di legno, campioni di stoffe, vasellame, mosaici, ecc.

Una menzione a parte meritano:

La Fontana “Il fiore di pietra”, la cui composizione ricorda le favole degli Urali dello scrittore Bagenov

…nella sua piscina, coperta di granato rosso, vicino ai pesci e agli uccelli in bronzo troviamo in tutto il suo splendore il fiore di pietre semi-preziose degli Urali con petali di tutti i colori: verdi, blu, d’oro.

La fontana dell’amicizia dei popoli situata nell’omonima piazza.

Al centro della quale campeggia il gigantesco covone in rame dorato che rappresenta l’abbondanza delle principali colture dell’ex Unione Sovietica.

Attorno 16 fanciulle con vesti tradizionali personificano le 16 repubbliche federali dell’URSS. Le sculture di bronzo sono ricoperte con un sottile strato d’oro.

Informazioni pratiche

Indirizzo: Mosca, Prospekt mira, 119

Fermatsa metro: VDNKh

Orario: lunedì – domenica 9:00 – 23:00 / il centro ospita sempre eventi ed esposizioni che andranno controllati sul sito.

Sito