Sai perché la chiesa di Cristo Salvatore è considerata la principale della Russia?

Numeri da record​

Non perché è uno dei più grandi luoghi di culto ortodosso nel paese, con una capienza di 10 mila persone (praticamente un’intera divisione dell’esercito)!

Nemmeno perché è uno dei templi più alti del mondo: ben 104 metri, cioè a un tiro di schioppo dalle nuvole più basse che si addensano ad un’altezza di 120 metri!

La vera ragione – al di là di questi numeri da record – è perché nella Cattedrale di Cristo Salvatore vengono celebrate le funzioni religiose dallo stesso patriarca della Chiesa Ortodossa russa.

 

Una storia dolorosa

La cattedrale venne fatta erigere in onore della vittoria del 1812 contro Napoleone diventando la chiesa più grande della Russia.

Nel 1927 la Chiesa dichiarò la propria lealtà al regime sovietico, ma solo di facciata, senza nessuna reale concessione nell’ambito della fede.

Ma questo non fu sufficiente a fermare le rappresaglie e le persecuzioni religiose. Fu un dolorosa e triste pagina della storia russa:

lo stato ateistico, oltre a sanguinose repressioni del clero, decretò nel 1918 il distaccamento dallo Stato, privando di fatto la Chiesa russa della propria personalità giuridica e del diritto di proprietà privata.

Durante la guerra civile che infuriava negli anni ’20 e ’30, i massacri a danno dei sacerdoti vennero eseguiti e perpetrati in massa…

…in quegli anni la Chiesa russa venne accusata di non voler rinunciare ai beni ecclesiali che avrebbero potuto salvare molti indigenti nella regione del Volga.

In verità il clero russo non si era rifiutato di prestare tale aiuto, ma aveva solo protestato contro la pratica dei saccheggi dei templi e contro la profanazione delle chiese.

Le cause contro i preti però ormai erano divenute una pratica assai diffusa.

Proprio durante questa campagna, la maggior parte dei gerarchi vennero condannati, compreso lo stesso patriarca Ticone.

San Beniamino, metropolita di Pietragard, e molti altri finirono con l’essere martirizzati.

Il 5 dicembre 1931, su ordine del ministro di Stalin, Lazar Kaganovich, la cattedrale di Cristo Salvatore venne fatta saltare in aria e ridotta in rovine.

Al suo posto avrebbe dovuto sorgere un Palazzo dei Soviet, un’altissima torre di 315 metri, con in cima una statua di Lenin alta 100 metri. Ma il colossale progetto fu abbandonato.

Alla fine del regime sovietico, la Chiesa Ortodossa Russa ricevette l’autorizzazione a ricostruire la Cattedrale di Cristo Salvatore nel febbraio del 1990.

Venne aggiunta anche una chiesa inferiore che venne consacrata alla Trasfigurazione del Salvatore nel 1996.

Mentre la Cattedrale di Cristo Salvatore venne consacrata il giorno della Trasfigurazione, il 19 agosto 2000.

Informazioni pratiche

Piccola curiosità: dal ponte del patriarca, proprio dietro la cattedrale, si gode di un bel panorama del Cremlino.

In più non perdere l’occasione per vedere la chiesa sotterranea che non si scorge dall’esterno.

Indirizzo:  Mosca, via Volhonka, 15

Fermata metro: Kropotkinskaya

Orario: martedì – domenica, 10:00 – 17:00 /  lunedì dalle 13:00

Sito