La Russia vanta un primato singolare nella storia mondiale di cui va molto fiera:

è stata la prima nazione a mandare un uomo nello spazio.

Da quassù la Terra è bellissima, senza frontiere né confini.

Così Jurij Gagarin, eroe sovietico e primo essere umano ad orbitare attorno alla Terra, descriveva il magnifico spettacolo che gli si parava davanti agli occhi.

Durante tutto il periodo della guerra fredda, che vedeva contrapposti gli USA all’URSS, la Russia ha investito (e investe tutt’oggi) nello sviluppo tecnologico aerospaziale.

Al di là della contrapposizione politica e del pesante clima che il mondo ha vissuto in quegli anni, è innegabile che l’umanità ha fatto enormi passi avanti nell’esplorazione del cosmo…

e proprio il popolo russo è stato tra i pionieri più coraggiosi in questa corsa allo spazio.

Non stupisce quindi che proprio a Mosca, nella capitale russa, sorga uno dei musei più affascinanti dedicato proprio alla cosmonautica.

Museo memoriale della cosmonautica

Il Museo della cosmonautica si trova prima d’entrare nella struttura espositiva VDNKh, vicino all’enorme obelisco dedicato ai voli spaziali.

L’obelisco riproduce la scia di un razzo nel momento del decollo.

Il suo rivestimento dalla base in sù è realizzato con “mattonellein lega d’alluminio mentre la parte sommitale in lega di titanio che, alla luce del sole, luccica facendosi notare da grande distanza.

Di particolare interesse le collezioni memoriali del Progettista Capo Serghej Koralev e di molti cosmonauti, nonché la collezione delle tute e attrezzature spaziali.

Il complesso è dedicato agli eroi dello spazio e contiene un’ampia varietà di opere e riproduzioni legate alle attrezzature di volo e dell’esplorazione del cosmo.

La collezione conta circa 85/90 mila oggetti, tra cui le riproduzioni delle principali navicelle spaziali prodotte e lanciate in orbita dall’industria aerospaziale sovietica e russa.

Tra le più famose: la Sojuz, lo Sputnik (che portò in orbita Yurij Gagarin), fino al più recente Buran (gemello russo dello Space Shuttle, ma un po’ più grande)…

…con il razzo booster lanciatore pesante Energija (leggi “energhia”) che nella configurazione più potente superava persino lo statunitense Saturn-V.

Nel museo della cosmonautica oltre alle tute degli astronauti è possibile entrare nella MIR, toccare con mano la superficie bruciata di una capsula originale che ha attraversato l’atmosfera…

…e vedere dal vivo oggetti quotidiani utilizzati dai cosmonauti nei loro voli orbitali e tanto altro.

Informazioni pratiche

Indirizzo: Mosca, prospekt Mira, 111

Fermata metro: VDNH

Orario: martedì – domenica, 11:00 -19:00 (giovedì fino alle 21:00)
la biglietteria chiude alle 18:30

Sito