Cosa c’entra il nome Tatiana con gli studenti russi? Perché il 25 gennaio migliaia di ragazzi e ragazze si riversano per le strade a festeggiare?

Questo accostamento e l’usanza hanno origini molto lontane, ma ancora oggi sono molte sentite dai giovani russi che studiano, vediamo insieme perché…

…quella che ti sto per raccontare è la storia dell’origine di questa usanza che da più di 200 anni ricorre ogni 25 di gennaio.

Onomastico di Tatiana – la storia della Santa Martire

Il nome russo Tatiana ha origine greca e significa organizzatrice.

Molto diffuso in Russia fino a tutta l’epoca sovietica, questo appellativo femminile è legato a quello di una Santa: La Santa Tatiana

La martire Tatiana visse a Roma tra la fine del II e inizio III secolo D.C.

Di famiglia ricca e famosa, era cresciuta nel nome di Cristo per volere di suo padre che professava la religione cristiana.

Negli anni della feroce persecuzione dei cristiani Tatiana venne torturata barbaramente perché non volle rinunciare alla sua fede, diventando così una martire.

La Santa di Roma è sempre stata celebrata dal popolo russo:

Aattorno al 1790 – quando il palazzo universitario di Mosca in via Mohovaja venne portato a termine – si pensò di erigere accanto un’artistica chiesetta da consacrare nel nome di Santa Tatiana.

Oggi al posto della chiesetta c’è un teatro, ma tutti gli anni nel giorno della santa, vengono celebrate messe nei templi più rappresentativi a cui spesso partecipa il Patriarca e il rettore dell’università.

Il giorno in questione è il 25 gennaio, onomastico di Tatiana. Nella stessa data si celebra in tutta la Russia la giornata di tutti gli studenti russi.

Perché questa coincidenza? Cosa c’entra la santa Tatiana con gli studenti russi?

Dobbiamo tornare indietro di qualche secolo per osservare da vicino la nascita di questa interessante ricorrenza, molto amata in particolare dagli universitari.

La festa di tutti gli studenti russi

Il 25 gennaio (secondo il calendario gregoriano) del 1755, l’imperatrice Elisabetta Petrovna firmò il decreto che autorizzava la fondazione a Mosca di un’università e 2 scuole ginnasiali.

Così, ogni anno, in questa giornata particolare, si festeggiava il grande evento da parte degli studenti in tutta la capitale della Russia.

Da allora la martire divenne anche la Santa protettrice di tutti gli studenti.

In seguito lo zar Nicola I rese ufficiale la festa dedicata alla fondazione dell’università di Mosca.

Da quel momento, ogni 25 gennaio, tutti gli studenti russi e tutte le Tatiane si fondono in un abbraccio simbolico per brindare assieme  a questa importante ricorrenza.

Anche se negli anni successivi alla rivoluzione, la festa divenne più modesta fino quasi a scomparire per via del nuovo clima politico, ma tornò in auge agli inizi degli anni ’90.

Migliaia di giovani in tutta la Russia tornarono ad organizzarsi riunirsi in un clima di giubilo generale, celebrando il giorno con riti e tradizioni a volte singolari:

ad esempio in alcuni locali dove gli studenti andavano a bere, si diffuse l’usanza di scrivere sulle schiene il loro indirizzo di casa…

…in questo modo chi li riaccompagnava sapeva esattamente dove portarli anche se erano abbastanza brilli da non poterlo comunicare.

Conoscevi questa particolare usanza russa? Cosa ne pensi?

Fammelo sapere nei commenti e se ti è piaciuto questo articolo condividilo sul tuo social preferito!